SPARA IN ALTO PER INTIMIDIRE I LADRI, SI BECCA 2 DENUNCE

Spara in alto per intimidire i ladri che sono entrati nel suo bar, si becca 2 denunce e il sequestro delle armi.

Borgo Priolo Pavia. oggi 14 febbraio, Luigi e Chiara Contardi padre e figlia titolari del bar tabaccheria Locanda del passeggero alla frazione Rivazza di Borgo Priolo avevano subito altri furti portandosi via un bottino di più di 8000 euro,il primo era successo il 26 gennaio, i ladri gli avevano portato via le macchinette dei video poker e una macchinetta cambiamonete, dopo averle svuotate le hanno abbandonate lungo le rive del torrente Schizzola, qui vicino, raccontano padre e figlia. Da quel momento abbiamo sempre svuotato le macchinette per sicurezza, il 1 febbraio il secondo furto, i banditi avevano colpito di nuovo, racconta la figlia che sbadatamente la sera prima avevano dimenticato di estrarre il cassetto delle monete, furono prese sempre di mira le video poker.

Il 9 febbraio i ladri con un piccone spaccano il vetro e l’allarme comincia a suonare, subito allertati sono corsi nel locale e racconta sempre la figlia ” erano armati di picconi, mio padre ha sparato qualche colpo in aria per intimidirli e farli scappare, ci siamo trovati 5 uomini intenzionati a tuttocoperti in viso e con in mano picconi e ascie”, sono scappati con circa 300 euro.

Sono state avvertite le forze dell’ordine che sono arrivati e dopo aver ascoltato l’accaduto hanno portato via le armi e denunciato il signor Luigi di aver sparato durante le ore notturne. Quando gli hanno portato via le armi mio padre si è messo a piangere, alcuni fucili erano ricordi di famiglia appartenuti al padre del signor Luigi, continua dicendo ” mio padre è cacciatore da quando era un ragazzo e non ha mai avuto problemi di nessun genere, mi è venuta voglia di fare il porto d’armi per poter riavere indietro i fucili di famiglia. In quei giorni i ladri hanno visitato anche un salumifithumb (1)cio e un altro bar.