IRAQ ISIS BRUCIA VIVA UNA BIMBA CRISTIANA

IRAQ ISIS BRUCIA VIVA UNA BIMBA CRISTIANA

bimba bruciata viva

bimba bruciata viva dall’isis

A Mosul i jihadisti hanno bruciato viva una bimba la cui madre tardava a pagare la tassa imposta ai non-musulmani. Ma la piccola in punto di morte ha fatto in tempo a perdonare i suoi carnefici.

Una storia atroce e dolcissima a un tempo, che ci ricorda le contraddizioni e la violenza tremenda che ogni guerra porta con sè.

A Mosul, capitale dello Stato Islamico nei territori occupati dell’Iraq, una bambina cristiana è stata arsa viva dai terroristi arruolati sotto le insegne dell’Isis dopo che la madre aveva tardato a pagare la jizya, la tassa di protezione imposta ai non musulmani da parte della polizia segreta del Califfato.

Come racconta il britannico The Telegraph, l’attivista per i diritti umani Jacqueline Isaac ha riportato, nel corso di una conferenza tenutasi a New York sulla persecuzione anti-cristiana, una storia che mette i brividi. Quella di una dodicenne cristiana messa al rogo dai taglia gole islamisti dopo che la madre aveva chiesto di attendere qualche minuto per prendere il denaro necessario a pagare la tassa. Ma non è tutto. Mentre la trasportavano in ospedale, martoriata da ustioni del massimo grado, la piccola ha pregato la madre di perdonare i propri aguzzini.

“Nel mezzo del buio c’è ancora la luce – piange la madre – E dove c’è luce c’è anche speranza.” La regione di Mosul è stata invasa dai terroristi dello Stato Islamico nell’estate del 2014, costringendo oltre cento ventimila cristiani a fuggire a sfollare nel vicino Kurdistan iracheno. Ancora oggi decine e decine di migliaia di persone vivono nei campi profughi. Molto, troppo spesso dimenticati dall’Occidente.

Non è giusto che nel 2016 si muore ancora così barbaramente uccisi da una persecuzione religiosa, ogni religione deve rispettare le altre, la religione non va imposta ma è una scelta e và rispettata.