carla-caiazzo-5DICHIARAZIONI SCHOK DELL’UOMO CHE HA DATO FUOCO ALLA SUA EX COMPAGNA

Se ne parla da 2 giorni di questo caso così drammatico, ieri sera Paolo p. che a Pozzuoli  ha cosparso di benzina la sua compagna Carla Ilenia Caiazzo che era incinta della loro bambina e gli ha dato fuoco.

Ricoverata d’urgenza in ospedale le sue condizioni sono apparse subito gravissime ed è stato necessario intervenire con un taglio cesareo per salvare la bambina a cui è stato dato il nome di Giulia PIa.

La donna ricoverata all’ospedale Cardarelli è gravissima, ha  ustioni sul 45 per cento sul corpo, i medici dicono che nonostante la gravità le sue condizioni sono stazionarie ma la prognosi resta riservata. L’uomo dopo aver dato fuoco alla ragazza è fuggito verso il Lazio a bordo della sua auto, una Nissan.All’altezza del ponte di Garigliano si è schiantato contro il guard rail. Preso dai carabinieri è stato portato in caserma ed accusato di tentato omicidio con l’aggravante della premeditazione. Domani davanti all’udienza nel tribunale di Cassino dovrà rispondere del reato commesso e anche della detenzione di un arma che apparteneva al padre defunto ma mai denunciata.

SI CONOSCEVANO DA 20 ANNI

Paolo e Carla si conoscevano da 20 anni, il rapporto era caratterizzato da parecchi litigi, si lasciavano e si riprendevano fino a che la ragazza stanca di un uomo che si vantava di non lavorare ha messo fine alla loro relazione. Carla aveva il suo lavoro, era un affermata estetista e la vita in quel senso gli sorrideva, poi la maternità e aveva deciso di viverla senza di lui dicendo che comunque lui avrebbe potuto vedere la bimba tutte le volte che voleva.Il quarantenne aveva alle spalle anche un passato di droga e varie denunce, era un disadattato che si vantava del suo stato. Gli amici si dicono sconcertati e che mai si sarebbero aspettati un gesto così terribile, i parenti che sono accorsi al capezzale di Carla non hanno voglia di parlare,

Gennaro Savoia,medico dell’ospedaleCardarelli ha spiegato al Corriere del Mezzogiorno la situazione clinica di Carla. Le condizioni della 38enne sono definite “estremamente critiche” e avrebbe  “il 50 per cento di possibilità di vivere”. La donna è stata sfigurata al volto, il collo e il torace, e anche se sopravviverà non avrà mai l’aspetto che aveva prima anche con l’ausilio della chirurgia estetica. “È intubata e ventilata da ieri – spiega il dottore – ha ustioni di terzo grado su 50 per cento del corpo e se tutto andrà bene venerdì prossimo vorremmo sottoporla al primo degli innumerevoli interventi. È una situazione estremamente critica e la prognosi resterà riservata per diverse settimane”.

 

 

DICHIARAZIONE SCHOK

Ai carabinieri che lo hanno preso subito dopo lo schianto contro il guard rail ha detto ” ho fatto una cazzata” ho cercato di uccidere la mia ragazza. L’impatto contro il guard rail forse gli ha fatto tornare di colpo un po di lucidità dove si è reso conto del gravissimo atto commesso.

pietropaolo-300x225